Opportunità di cucinare autonomamente in struttura o di avere il catering a base delle nostre bio-produzioni, possibilità di pernottamento in struttura

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

 
 
 
                               Chiesa di santa Croce a Moliterno in Basilicata

Ho ricevuto dalla ministra della Chiesa di Santa Croce di Moliterno, dell'Ordine Francescano Secolare, Marianna Spina, un'interessante risposta alla mia richiesta di informazioni sulla statua lignea raffigurante santa Rosa di Viterbo, che si trova in una splendida nicchia barocca, la seconda a destra, di chi entra nella Chiesa di santa Croce. Ho chiesto anche un santino di santa Rosa la cui foto è del papà di Marianna.

Viterbo STORIA
a cura di Mauro Galeotti

                             Santa Rosa di Viterbo nella seconda nicchia a destra

Cliccando qua e là sul web, me la sono ritrovata con grande sorpresa, così, dinanzi bella e elegante come non mai.
Infatti, in una chiesa francescana non poteva mancare l'immagine di santa Rosa di Viterbo, la chiesa è quella di santa Croce a Moliterno in provincia di Potenza, in Basilicata. 

Viterbo CRONACA STORICA da "PIZZERIA IL MONASTERO VITERBO"
Nicolò Maria Torelli e lo stesso miracolo narrato da fra Tomaso Bandoni a fine articolo

 

Essendo nell'anno 1528 una gran penuria di viveri nelle Province vicino a Roma, a causa della moltitudine de Soldati, venuti per dare il sacco a quell'alma Città, ed altri per soccorrerla; un tal Bartolomeo da Canepina credendosi, che in Civitavecchia, dove stava una sua Zia, non fosse tanta carestia, se n'andò a quella volta: ma ivi ancora provandosi non men crudele la fame, dopo alcuni giorni fu forzato partirsene per la Patria.

Viterbo STORIA
Alberto Minissi

Viterbo 20 gennaio 1944 

Sebbene Viterbo fosse stata velocemente superata dalla linea del fronte, più di qualsiasi altra città a sud della Linea Gotica subì danni gravissimi a causa dei quasi 800 bombardamenti aerei che la colpirono fra l'estate del '43 e il giugno del '44. 

Viterbo STORIA
Mario Minissi
"Ripenso con nostalgia ai vari personaggi tipici dell'epoca: Scanfarra (raccoglitore di cicche), la povera Caterina (che vendeva violette), Pizzaecacio (venditore di caldarroste e coriandoli "zighirinati" di Lùtene), l'onorevole Coroja, il Cavalier Pela..."

La Chiesa di san Luca in Via Matteotti angolo Via san Luca (1944)

I miei ricordi del periodo bellico a Viterbo non sono certamente piacevoli.

Viterbo STORIA
Elisa Angelone

 

Titolo: Immagine della Madonna SS.ma Addolorata dedicata all’Ill.me Sig.re Priora e vice-priora della V. Compagnia de Sette Dolori donna Elisabetta Marcucci e donna Anna M.a Malvaroli dei PP. Servi di Maria della Città di Viterbo
Incisore: C. Sella (Carlo Sella)
Disegnatore: A. Rinaldi
Anno: XIX secolo, primo quarto (1800-1825)

I comunicati inviali
a
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Organizza in Villa party-relax con amici,
tra vigneti e uliveti, ampia piscina,
forno a legna, barbecue, cucina,
4 camere da letto, 4 bagni, salone,
taverna con sala biliardo, 2 camini.
Puoi divertirti in ampi spazi, indisturbato.

Il Marrugio mette a tua disposizione
la Villa che vedi qui in foto.
Clicca qui e chiedi informazioni

Salva

Salva

chi è on line

Abbiamo 832 visitatori online

Salva

Salva

Salva

Salva